we love life in freedom

VICTIM OF SINAI

 

Matteo Pegoraro | EveryOne Group matteo.pegoraro@everyonegroup.com
2:48 PM (2 hours ago)
to attivismo-ital., politici-italia
Sinai: è un momento importante per la campagna contro i traffici di schiavi e organi umani

del Gruppo EveryOne
Roma/Arish, 26 novembre 2011. Il Gruppo EveryOne ha ricevuto decine di chiamate e messaggi di posta elettronica, nei giorni scorsi, da parte di parenti degli ultimi prigionieri nel nord del Sinai. I nostri difensori dei diritti umani hanno immediatamente localizzato i gruppi di schiavi, segnalando i covi e i numeri telefonici dei trafficanti e di alcuni ostaggi alle autorità egiziane, agli Alti Commissari delle Nazioni Unite per i Rifugiati, allo Special Rapporteur Onu sul Traffico di Persone, al Commissario europeo per i Diritti Umani e a tutte le autorità internazionali che si battono contro il traffico di migranti africani e organi umani. Ancora una volta, abbiamo segnalato la presenza di rifugiati in catene al Freedom Project della CNN. Fonti locali ci confermano che le forze dell’ordine del governatorato del nord del Sinai, insieme alla forza di sicurezza beduina, stanno perquisendo i campi di detenzione beduina (l’ultimo a Taba, dietro nostra denuncia) e identificando i trafficanti. Il famigerato predone Abu Musa è ancora attivo e detiene un gruppo di circa 40 giovani eritrei, ma riteniamo che presto, se le azioni di polizia proseguono, il suo regno del terrore avrà fine. Il nostro partner Hamdy Al-Azazy, presidente della New Generation Founfdation for Human Rights di Arish (nord del Sinai) si trova attualmente al Cairo, dopo aver subito gravi minacce da parte dei trafficanti. Da parte nostra, dopo aver segnalato la sua condizione all’organizzazione FrontLine, che difende gli attivisti nel mondo, e allo Special Rapporteur sui Difensori dei Diritti Umani, siamo in contatto costante con lui e lo sosteniamo come possiamo. Hamdy è candidato al Premio Makwan, riconoscimento simbolico che il Gruppo EveryOne assegna ogni anno a un difensore dei diritti umani. New Generation Foundation for Human Rights ci conferma che nel Sinai è in corso un’azione da parte della forza di sicurezza beduina (che agisce insieme alla polizia e ai servizi segreti egiziani) per porre fine ai traffici di migranti. “I capi-trafficanti erano 30,” ci spiega Hamdy, “ma attualmente sono solo 6 e si sono impegnati a sospendere la tratta di schiavi entro l’1 gennaio 2012. Bisogna proseguire in questa operazione, per evitare che il crimine possa sentirsi al sicuro e riprendere i suoi terribili affari, ma se noi, EveryOne Group e le altre ong che ci aiutano continueremo a lavorare bene, questo tragico fenomeno si interromperà al 100%”.
Nella foto, Hamdy ad Arish con una profuga eritrea liberata dai trafficanti, ma colpita dalla polizia egiziana al confine con alcuni proiettili al ventre. La giovane non sopravviverà

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s