we love life in freedom

STOP INHUMAN EVICTIONS, AGAINST HOMELESS POOR PEOPLE

COMUNICATO STAMPA

 

Pisa, 17 aprile 2012

Pisa: dopo il drammatico sgombero dei Rom, appello al Presidente della Regione per un piano umanitario

Ieri sera è avvenuto lo sgombero della comunità Rom rifugiata presso l’ex convento dei Frati Bigi, a Pisa. Le famiglie, in gravi condizioni di emarginazione e indigenza, con bambini e malati, sono state evacuate dalle forze dell’ordine sotto la supervisione del sindaco di Pisa Marco Filippeschi. “E’ un vero dramma umanitario,” commentano Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, co-presidenti dell’organizzazione internazionale per i diritti umani EveryOne, “perché, inspiegabilmente, nonostante la Costituzione italiana e le carte internazionali per i diritti umani prevedano che sia garantito a ogni essere umano il diritto alladignità, alla salute e alla sicurezza, lo sgombero è stato effettuato senza alcun programma socio-sanitario e mette alcune famiglie in grave pericolo, esponendole ai gravi danni della precarietà. Da parte nostra, abbiamo inviato un appello urgente all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani e al Commissario europeo per i Diritti umani affinché mettano in atto misure atte a garantire la protezione di questa comunità etnica già provata da anni di persecuzione istituzionale e privata”. Il Gruppo EveryOne ha chiesto inoltre al presidente della Regione Toscana Enrico Rossi un piano di emergenza per tutelare i 40 Rom di Pisa in questo tragico frangente. “Ci appelliamo a Enrico Rossi,” spiega EveryOne, “perché ha una dimensione umana improntata alla tolleranza e conosce bene i problemi di chi è povero. Lui stesso discende da una famiglia operaia ed è stato assessore alla sanità: due requisiti che  lo rendono vicino alle classi sociali povere ed emarginate, colpite da non solo da disagio sociale, ma da un serie di patologie causate dalla vita all’addiaccio, con un’alimentazione inadeguata e scarse possibilità di accesso all’assistenza medica. Gli chiediamo di manifestare umanità e solidarietà in mezzo a tanta crudeltà e indifferenza. Se il Presidente della Regione decide di prendere in mano questa drammatica situazione umanitaria, organizzazioni come la nostra lo affiancheranno per identificare una soluzione duratura, capace di preservare la dignità e la vita delle famiglie colpite dallo sgombero e di inserirle in un percorso di integrazione, che vedrà gli adulti sani inserirsi nel mondo professionale, i malati curarsi con soluzione di continuità e i bambini studiare, giocare e crescere sereni come i loro coetanei italiani”.
Nella foto, Enrico Rossi


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s